Sovraprezzo e disservizio: lo scandalo si abbatte sulla Gori

Sovraprezzo e disservizio: lo scandalo si abbatte sulla Gori

31 Maggio 2019 Off Di Bruno Aiello

Un vero e proprio scandalo mediatico ha colpito recentemente la Gori, l ‘associazione che da anni gestisce la rete idrica Casalnuovese e di molti territori nel Napoletano. La Gori infatti, secondo le accuse, sembra essere la compagnia ad offrire il peggior rapporto qualità-prezzo inerente al consumo medio annuo d’acqua di un nucleo familiare standard.

I dati statistici mostrano infatti una bolletta annua che ammonta a ben 310€, cifra che risulta essere il doppio rispetto a quanto un cittadino pagherebbe con altre compagnie idriche nel medesimo territorio.

Risultati più che mai negativi per la Gori che oltre ad un dispendio economico cospicuo per le tasche dei cittadini, offre un servizio scadente e non risolutivo. I continui guasti all’impianto idrico e i prolissi tempi di manutenzione hanno costretto infatti i cittadini ad autotutelarsi attraverso l’istallazione di autoclavi e serbatoi privati.

Il rischio d’ispezione è dietro l’angolo, l’indagine della Corte dei conti riguardo la contabilità della Gori fa emergere una possibile infrazione di circa un milione e mezzo di euro a carico delle casse della Regione Campania. Decisa la risposta della Gori che smentisce tutte le accuse presentandosi come un’azienda a norma e funzionale, provando a dissolvere il polverone che macchia la trasparenza che una società idrica dovrebbe avere.