Mercatini di Natale, Una città che… Riparte

Mercatini di Natale, Una città che… Riparte

7 Gennaio 2020 Off Di Bruno Aiello

La dimensione di magia e spensieratezza del periodo natalizio lascia spazio al principio di un nuovo anno e di un ritorno alla realtà. Si è conclusa da pochi giorni infatti la seconda edizione dei Mercatini nel Villaggio di Babbo Natale, un’iniziativa realizzata da Giovanni Nappi, presidente dell’associazione “Una Città Che…”, e dal sindacato SLI.

La manifestazione, allestita in via Zì Carlo presso l’Oratorio San Michele, ha rallegrato le giornate di grandi e piccini per tutta la durata del periodo festivo, dal 7 Dicembre fino al 6 Gennaio, riportando, con una ventata di gioia, la serenità e quel fremito d’attesa tipico dell’atmosfera natalizia.

L’iniziativa, partita come fonte di aggregazione sociale, è diventata la voce di una comunità che ormai convive con il grigio della cittadina e da tempo urla in verbo di riscatto e cambiamento sociale.

L’inaugurazione dell’evento è stata aperta dall’arrivo di Babbo Natale a bordo del trenino turistico a grandezza naturale che, nel corso delle prime due settimane dall’inizio della manifestazione, ha accompagnato al villaggio numerosi visitatori provenienti da tutto il territorio Casalnuovese (Da Casarea a Talona, passando per Tavernanova e Corso Umberto).

L’iniziativa ha nuovamente offerto la possibilità di allestire numerose casette in legno con prodotti artigianali di stampo natalizio e ha presentato un design rinnovato della casa di Babbo Natale che ha aumentato la capienza spaziale con la dotazione di ben 3 aree interne adibite al pubblico.

La manifestazione è stata quotidianamente aperta ai visitatori in maniera totalmente gratuita dalle 16.30 alle 22.00, con l’eccezionale apertura mattutina domenicale e nei giorni festivi.

Spirito natalizio del villaggio che ha resistito anche alle intemperie e al gelo, tutti i pomeriggi sono stati infatti animati dal calore degli spettacoli circensi (senza animali) gratuiti e dalla compagnia RamBlas animation. Seppur in un clima freddo e a volte piovoso, si è respirata finalmente aria di speranza, forse portata da un vento di cambiamento.

Intrattenimento no stop anche nei weekend dove i visitatori più maturi sono ritornati bambini, trasformati dalla magia dell’atmosfera suggestiva ricreata dagli spettacoli musicali sotto la neve diretti dallo speaker radiofonico e showman Mario Pelliccia.

Nelle giornate del 23 Dicembre e del 6 Gennaio, si sono tenute le estrazioni dei ticket per la Pesca gratuita in occasione della festività Natalizia ed Epifanica. Generosi i premi in vista dell’occasione, donati altruisticamente da sponsor e privati.
A partire dal 2 Gennaio, la casa di Babbo Natale è stata allestita per ospitare la Befana la serata del 5 e l’intera giornata del 6. La coda per visitare la dimora della portatrice di dolciumi è stata numerosa fin dalla sera del 5.

Per l’intera durata dell’evento, il Villaggio e i Mercatini hanno riscontrato un’enorme affluenza da parte dei cittadini. Bambini, adulti ed anziani, tutti hanno sentito il bisogno di evadere dai disagi e malcontento della cittadina per ritrovarsi uniti in un ambiente di comunità in nome dello spirito Natalizio.

Anche i giovani, usualmente costretti ad emigrare in territori limitrofi vista l’assenza di fonti d’intrattenimento, hanno partecipato con il tassello del proprio sorriso per arricchire il puzzle della socialità.

L’enorme affluenza conseguita da questa manifestazione comunitaria è l’esempio di una cittadina che è tutt’altro che morta, il simbolo di una città che sogna, di una città che sente, di Una Città Che…, se governata a dovere, vive.