La “squadra Peluso” compatta verso la nuova alleanza. Nappi: «possa essere una scelta atta a liberarci…»

La “squadra Peluso” compatta verso la nuova alleanza. Nappi: «possa essere una scelta atta a liberarci…»

21 Giugno 2020 Off Di Redazione

CASALNUOVO – Si inizia a muovere la macchina organizzativa per le coalizioni che la prossima tornata elettorale del 20 e 21 settembre vedrà impegnata anche la città di Casalnuovo.

Ciò che di certo si sa è che il Sindaco uscente, Massimo Pelliccia, si ripresenta con una coalizione di centro destra reclutando consiglieri già tra le sue fila e che al tempo abbandonarono Peluso per “guarire” una amministrazione nata “zoppa”.

Giovanni Nappi del polo centro sinistra (da sempre impegnato nel sociale – ndr) sembra essere il vero avversario politico dell’attuale fascia tricolore, presentandosi con una coalizione piuttosto compatta, Espedito Iasevoli a lui il terzo polo e il pentastellato Christian Cerbone.

All’appello manca Antonio Peluso, politico di vecchia guardia, la cui posizione ancora non è definita. Continuano le riunioni politiche tra Salvatore Errichiello, Maria Pelliccia, Walter Perugino, Giovanni Brandi “pelusiani” fedelissimi. Proprio stamattina attraverso i social si legge: «Distanziati ma uniti – la lettera scritta alla città attraverso i profili social – prossimo Settembre ci saranno le Elezioni Comunali a Casalnuovo.  Insieme al nostro leader Antonio Peluso e al folto gruppo di amici che compongono la compagine Pelusiana la prossima settimana faremo le scelte più opportune per la Città. 

con due punti fermi: PRIMO, il gruppo PELUSIANO sarà unito e compatto in qualsiasi  scelta faremo; SECONDO, La nostra scelta politica sarà ovviamente di ALTERNATIVA a questa Amministrazione in carico per coerenza con gli elettori e con il lavoro di opposizione di questi 5 anni.

Giovanni Nappi con un post in risposta fa sentire la sua vicinanza: «In bocca al lupo a voi! In bocca al lupo alla Città! Che possa essere una scelta atta a liberarci dalla prepotenza e dall’arroganza. Avere ambizioni, come nel mio caso, non dovrà più ostacolare questo percorso di libertà».