Casalnuovo – Biblioteca sociale sold out anche i posti in piedi, il leggio è ancora vuoto, eppure il clima di fervore è palpabile.

Il pubblico accorso, attende l’arrivo di Maurizio De Giovanni. Giornalista, scrittore e sopratutto napoletano classe 58. Noto principalmente per la saga de “I bastardi di Pizzofalcone”.

Casalnuovo di Napoli - Sala Eventi Biblioteca Sociale "Giacomo Leopardi" in attesa della presentazione del nuovo libro di Maurizio De Giovanni "Vuoto"
01/02/2019 Casalnuovo di Napoli – Sala Eventi Biblioteca Sociale “Giacomo Leopardi” in attesa della presentazione del nuovo libro di Maurizio De Giovanni “Vuoto”

Eppure la sua produzione letteraria è tale e tanta da far invidia ai più grandi prosatori italiani. Un uomo di gran cultura, di discorsi lunghi e accalorati senza essere mai prolissi. Artista che non conosce la vanagloriosita’ dei tempi attuali. Concreto ed efficace, quando legge un racconto breve accompagnato al sax da Marco Zurzolo, lascia interdetto e commuove il pubblico.

Durante l’incontro, utilizza le parole, le accarezza con la sua voce calda, le lambisce e le libera. Genera delle frasi che lo pongono tra le nostre glorie.

Sala Conferenza Biblioteca Sociale Giacomo Leopardi (Casalnuovo di Napoli) durante la presentazione del nuovo libro Maurizio De Giovanni con Marco Zurzolo e Giovanni Nappi.
Sala Conferenza Biblioteca Sociale Giacomo Leopardi (Casalnuovo di Napoli) durante la presentazione del nuovo libro Maurizio De Giovanni con Marco Zurzolo e Giovanni Nappi.

“Leggere non è social! Leggere è faticoso, è in salita, è da solitari. Niente educa l’immaginazione come la lettura. La lettura non è condivisibile se non con chi ha letto il tuo stesso libro! La lettura è libertà!”

Maurizio De Giovanni, si rivolge a Giovanni Nappi che per l’occasione ha rivestito i panni del moderatore. “La creazione di una biblioteca è fondamentale perché aiuta la cultura a circolare.”

Biblioteca Sociale Giacomo Leopardi (Casalnuovo di Napoli) durante la firma copia del ultimo libro "Vuoto" di Maurizio De Giovanni insieme a gli alunni dell'istituto ISIS di Pomigliano.
Firma copia di “Vuoto”, il nuovo libro di Maurizio De Giovanni, con gli alunni dell’istituto ISIS di Pomigliano, presso la Biblioteca Sociale Giacomo Leopardi a Casalnuovo di Napoli.

Parla del suo ultimo libro «Vuoto» racconta del suo progetto ormai realizzato, di voler scrivere un romanzo super nero, senza però sangue ne colpi di pistola. Più nero di una sparizione non c’è nulla, ed è paradossale appurare che è il vuoto di una perdita a portare alla ribalta una persona o un luogo. “Quella persona finché riempiva il suo pezzo di puzzle era invisibile, ora che ha lasciato un vuoto è divenuta visibile.”

Queste ultime parole sono lo spunto per una lunga riflessione, sono un invito alla lettura di questo libro. Sono una esortazione, affinché le nostre vendute si amplino a tal punto da non dover aspettare un vuoto ma di vederlo prima.

Maurizio De Giovanni e Giovanni Nappi fotografati durante la firma copia del nuovo libro "Vuoto" alla biblioteca sociale Giacomo Leopardi
Maurizio De Giovanni con Giovanni Nappi mentre dona e firma copia il nuovo libro “Vuoto” alla Biblioteca Sociale Giacomo Leopardi a Casalnuovo di Napoli

Grazie alla biblioteca sociale pensata da Giovanni Nappi, affinché la mente trovi la sua dimensione e grazie a Maurizio de Giovanni per il suo grande contributo alla letteratura italiana.