Brucia ancora la terra dei fuochi. Residenti esasperati per i roghi tossici

Brucia ancora la terra dei fuochi. Residenti esasperati per i roghi tossici

15 Luglio 2020 Off Di Redazione

CASALNUOVO – Brucia ancora, brucia imperterrita ed insistentemente la terra dei fuochi e la città è sotto la morsa di un odore acre spaventoso.

Ennesimo incendio di rifiuti, cittadini esasperati. In estate costretti a restare con le finestre chiuse a causa del fumo nero che si alza dalle campagne vicine. Dopo il maxi rogo dell’altra mattina in cui andò a fuoco un deposito di autobus nella strada di confine con Afragola, nel pomeriggio di ieri un’auto a Via Roma, questa notte un altro rogo.

Decine e decine di segnalazione alla nostra redazione dalle 2 di questa notte da parte di utenti impauriti che lamentano l’insonnia dipesa dall’ennesimo miasma a cui sono costretti a respirare.

«Non è certo la prima volta che in questa zona l’aria diventa tutto ad un tratto irrespirabile – denunciano i cittadini alla nostra redazione – anche nelle ore più profonde della notte, tanto da costringerci spesso ad alzarci e chiudere le finestra o svegliarci con la gola irritata. Qui ci sono bambini, che si trovano a convivere con questa situazione. Quali sono gli interventi in programma da parte dell’amministrazione?»

La situazione ormai è insostenibile, appena scende la notte con essa anche il terrore di “vivere” una nuova notte di pericolo.
Cosa succede? Qualcuno ci dica che sta accadendo intorno a noi? Si faccia chiarezza, ci aiutino! Interrogativi che attraverso le pagine social la gente chiede alle istituzioni locali.

Sciacalli e delinquenti assoldati dalla criminalità organizzata danno fuoco ogni notte a materie plastiche, pneumatici e scarti di lavorazioni, un modo veloce ed istantaneo di smaltire rifiuti, spesso pericolosi, ai danni di cittadini.

Decine e decine di commenti: «Anche a Via Saggese si sente.. le mie figlie si sono svegliate dalla puzza» lamenta Laura, così come Mariangela «Non si può stare con le finestre aperte».

Domande che forse mai avranno una risposta.