ALLARME SICUREZZA – Saccheggiata l’associazione “Feliciello”. La città continua ad avere paura

ALLARME SICUREZZA – Saccheggiata l’associazione “Feliciello”. La città continua ad avere paura

9 Aprile 2019 Off Di Redazione

CASALNUOVO – Un atto increscioso questa notte messo a segno da balordi ai danni dell’Associazione “Pasquale Feliciello – Vittima innocente della Camorra”. Siamo dinanzi ad un qualcosa di cui si è perso il controllo, la città ha paura di tutto. Scippi, rapine, furti sono all’ordine del giorno ed ora possiamo aggiungere anche della notte.

Chi o cosa avrà spinto delinquenti a saccheggiare un’associazione, presieduta da Alessandro Feliciello, nata sul territorio solo per lo scopo di infondere i diritti della legalità e svolgere attività sociale? Una risposta a cui non sapremo rispondere finquando magari non si riuscirà a “recuperare” qualche fotogramma video delle telecamere di sorveglianza presenti in città (sempreché siano attive).

Amareggiato, deluso ma perseverante nel suo cammino della legalità l’Avv. Giovanni Feliciello a cui abbiamo chiesto una visione di quest’azione: « Un gesto vile accaduto alla nostra associazione nel giorno del compleanno di mio padre, vittima innocente di camorra, ovviamente si tratta di “ladri di pollo” perché in un’associazione di volontariato impossibile trovare qualcosa di valore. Un pc, un tvled, materiale didattico, questo il “gran colpo portato da questi delinquenti. Ultimamente a Casalnuovo – continua l’Avv. Feliciello – stanno succedendo dei piccoli atti che lasciano preludere a qualcosa di molto più grosso, come la cornetteria che hanno incendiato, piccoli atti che iniziano a far preoccupare e qui la mente vola anche al fatto che non si tratti più di microcriminalità. Ringrazio voi di Casalnuovo Net, Giovanni Nappi, Mario Pelliccia, autorità istituzionali superiori come il Presidente della Commissione Antimafia Regione Campania l’On Carmine Mocerino, Sen. Avv. Francesco Urraro Presidente commissione Giustizia e dell’Amministrazione in carica. Ho notato un particolare importante, che dinanzi a questi atti c’è la ribellione da parte della città grazie a tutta la solidarietà che io e la mia famiglia abbiamo ricevuto. Credo che si arrivato il momento di iniziare a guardare il futuro della città con occhio diverso, più mirato alla sicurezza della nostra città in balia dei piccoli delinquenti. Noi abbiamo il dovere di scendere in campo e mettere fine a questo degrado cittadino, di mettermi a disposizione di chiunque voglia donare la legalità alla città, ma non quella a colori, la LEGALITA’ e basta, quella ne è una sola. E’ Oggettiva.»

La famiglia Feliciello tiene a ringraziare tutta la città perché si è sentita coccolata da un’onda di solidarietà.